fire-

Agni Mukham Vidhi – Secondo il Parasurama Kalpa Sutra

Siediti guardando a est, metti della polvere di riso bianco nella Homa Kunda (buca del fuoco sacro) e livellala.
Disegna sei linee nella buca nella sequenza 1-2-..6 e coi sei mantra seguenti offri l’akshatas (1) partendo dall’inizio e andando verso la punta delle frecce.

direzioni

 

(7) = Aim Hrim Srim Aim Klim Souh Aim
1. (7)                  Brahmane Namaha
2. ” ”                  Yamaya            ” ”  
3. ” ”                  Somaya            ” ”     
4. ” ”                  Rudraya           ” “
5. ” ”                  Vishnave          ” “
6. ” ”                  Indraya             ” ”      

Fai Anga Nyas (2) nel tuo corpo.

(7)                  Sahasrarchishe Hridayaya Namah
” ”                   Swasti Purnaya Sirase Swaha
” ”                   Uttishta Purushaya Sikhayai Vashat
” ”                   Dhumavyapine Kavachaya Hum
” ”                   Saptajihvaya Netratrayaya Vaushat
” ”                   Dhanurdharaya Astraya Phat


Offri akshatas nella homa, nelle posizioni indicate (Agni-Isa-Asura-Vayu-Madhye-Dikshu, nell’ordine).

(7)                  Sahasrarchishe Hrudayaya Namah       (SE)
” ”                   Swasti Purnaya Sirase Swaha              (NE)
” ”                   Uttishta Purushaya Sikhayai Vashat    (SO)
” ”                   Dhumavyapine Kavachaya Hum           (NO)
” ”                   Saptajihvaya Netratrayaya Vaushat     (Centro)
” ”                   Dhanurdharaya Astraya Phat               (in senso orario: E, S, O, N)

Bhur Bhuvaha Suvaha OM

Preparazione della Homa Kunda

Disegna nella homa un ottagono (muladhara chakra), un esagono (swadisthana chakra) e un triangolo (ajna chakra); ciascuno dentro quello che precede. Sistema i bastoncini per la homa (che possono essere ad es. di legno di sandalo) a forma di triangolo. Metti un pezzo di canfora al centro sul quale poserai uno stoppino imbevuto nel ghee; posa un altro stoppino sul bordo est del triangolo.   

Offri akshatas nella homa all’interno del triangolo centrale, in senso orario, partendo dalla posizione in cui sei seduto e recitando i seguenti mantra:

 

agniyantra11

 

(7)                  Pitayai                      Namaha 
” ”                   Swetayai                      ” “
” ”                   Arunayai                      ” “
” ”                   Krishnayai                  ” “
” ”                   Dhumrayai                  ” “
” ”                   Tivrayai                        ” “
” ”                   Spulinginyai               ” “
” ”                   Ruchirayai                  ” “

Successivamente, offri akshatas al centro recitando i seguenti mantra:

(7)                   Jvalinyai                         Namaha
” ”                   Tam Tamase                       ” “
” ”                   Ram Rajase                         ” “
” ”                   Sam Satvaya                       ” “
” ”                   Am Atmane                         ” “
” ”                   Am Antharatmane           ” “
” ”                   Pam Paramatmane          ” “
” ”                   Hrim Jnanatmane            ” “

Hrim – Trikone  Vagiswari Vagiswarabhyam namaha

Visualizza l’unione di Brahma e Saraswati nel triangolo.

Accendi il fuoco procurandoti la scintilla direttamente dal Sole (con una lente di ingrandimento) o dalla casa di un Bramino.

In una ciotola di ottone o di terracotta, rivolto verso Niruti (Sud Ovest), accendi tre stoppini dei quali due devono essere uniti mentre uno resta singolo. Poi posa per terra lo stoppino singolo acceso dicendo: questo appartiene ai Rakshasas (tipo di demoni).

Fai la seguente operazione per tenere accesi i due stoppini nel vaso.

Guardando gli stoppini uniti dentro la ciotola, recita il Moola Mantra (3) della principale divinità prescelta mentre la cospargi di Samanyarghhya (4). Batti due bastoncini di incenso sulla fiamma dicendo Phat poi mettili ai lati della lampada (ciotola illuminata). Proteggila col palmo della mano destra rivolto verso il basso, dicendo Hum.

Dhenu, Yoni mudre pradarshya

Mostra Dhenu e Yoni (5) Mudra alla luce.

(7) Om Ram Vaishwanara jataveda ihavaha lohitaksha sarva karmani sadhaya swaha

Recitando questo mantra, immagina la fiammella che sale dalla base della colonna vertebrale ed esce dal terzo occhio fondendosi con la luce esterna. La fiammella all’esterno diventa così la yoni di Saraswati che, attraverso la Sua conoscenza, si fonde in un’unica consapevolezza.

Kavachaya Hum 

Verifica che i due bastoncini di incenso siano sui due lati di stoppini illuminati. Stando in piedi e reggendo i bastoncini di incenso e la lampada, pronuncia:  

(7) Agnim Prajwalitam Vande Jatavedam Hutashanam
Suvarna varnam amalam samiddham vishvato mukham

Recitando questo mantra, tieni lo stoppino illuminato sopra la yoni della homa (luogo a forma di yoni fra te e la homa) e metti i bastoncini su entrambi i lati. Alzati in piedi.

(7) Utthishta purusha harita pingala lohitaksha sarva karmani sadhaya me dehi dapaya swaha   OM Hrim-OM Hrim-OM Hrim

Ripetendo Om Hrim tre volte, prendi solo la lampada e ruotala tre volte nella homa kunda e con essa accendi insieme i due stoppini nella homa kunda. La canfora nel centro del triangolo si accenderà automaticamente. Versa il ghee rimasto nella ciotola sui bordi del triangolo centrale. Siediti.

(7) Cit pingala hana hana daha daha pacha pacha sarvajna ajnapaya swaha

Ravviva il fuoco con dei ramoscelli.  Fai jwalini mudra (5). Immagina che la yoni di Saraswati sia piena di nettare di ghee.

Yo vaitam Brahmano Veda, Amritenavritam pureem,
Tasmai Brahma ca Brahmaaca Ayuh Keertim Prajam Daduh

Offri akshatas nella homa coi seguenti mantra:

(7) Asya Homagneh         Pumsavana karma            kalpayami namah
 ” ”                                          Simantha karma                           ” “
 ” ”                                          Jata karma                                      ” “
 ” ”                                          Namakarana karma                     ” “

Ora (in questo modo ____ =) attribuisci agni alla divinità cui ci si riferisce. Es: Lalitagni, Chandikagni, Ganapatyagni..

” ” Asya ___Agneh          Annaprashana karma      kalpayami namah
” ”                                          Chaula karma                                ” “
” ”                                          Upanayana karma                        ” “
” ”                                          Godana karma                               ” “
” ”                                          Vivaha karma                                 ” “

Metti tre bastoncini di Paridhi (legno di Bibhitaki) intorno alla homa. Il primo, grosso e corto, posalo a terra sul bordo ovest; il secondo, sottile e medio, a sud; il terzo, il più sottile e lungo, a nord.

Agni Dhyanam

(7) Trinayanam arunabham badha maulim sashuklam
shukamaruna maneka kalpa mambhoja samstham
Abhi mata varashaktim swastika bhiti hastam
Namata kanaka mala lankritamsam krishanum

Agni Mandala Puja

agniyantra11

Invoca le divinità con akshatas nell’ottagono nel fuoco, iniziando dal triangolo più vicino e procedendo in senso orario.

(7 + Panchadasi)               Jatavedase              Namah
” ”                                          Saptajihvaya                 ” ”      
” ”                                          Havya vahanaya          ” “
” ”                                          Ashvodaraya                 ” “
” ”                                          Vaishwanaraya            ” “
” ”                                          Kaumara tejase            ” “
” ”                                          Vishva Mukhaya          ” “
” ”                                          Deva mukhaya              ” “

Offri akshatas nell’esagono della homa partendo dal triangolo più vicino e procedendo in senso orario.

(7)                  Sahasrarchishe Hrudayaya Namah 
” ”                   Swasti Purnaya Sirase Swaha          
” ”                   Uttishta Purushaya Sikhayai Vashat 
” ”                   Dhumavyapine Kavachaya Hum          
” ”                   Saptajihvaya Netratrayaya Vaushat   
” ”                   Dhanur Dharaya Astraya Phat

 Nel triangolo centrale, invoca il Dio del Fuoco con:

(7) Agnim Prajwalitam Vande Jatavedam Hutashanam
Suvarna varnam amalam samiddham vishvato mukham

Ajya Samskaram  

Per purificare il ghee, recita per 7 volte il seguente mantra tenendo l’erba durva (Cynodon dactylon) o un bastoncino di incenso nel ghee.

Aim Hrim Srim Ka E I La Hrim Ha Sa Ka Ha La Hrim Sa Ka La Hrim

Alla fine della recitazione, getta il bastoncino o l’erba nel fuoco e metti la ciotola del ghee sulla yoni della homa kunda. Offri al fuoco i 5 upachara (6) recitando il Moola mantra (mantra corrispondente alla divinità principale).   

Gandham, Pushpam, Dhupam, Deepam, Naivedyam Kalpayami Namah.

Purificazione dei bastoncini di Shrik=yoni e Sruva=Lingam (tipi di resina):

Pulisci i bastoncini yoni e lingam con samanyarghya. Metti la yoni nella mano sinistra (o falla tenere da una donna) e riempila col ghee preso attraverso il lingam che è nella mano destra (o tenuto da un uomo), cambia le mani e con la yoni, che a questo punto è nella destra, offri il ghee nella homa senza scuoterlo o ruotarlo ma facendolo cadere per gravità. Offri così il ghee a ciascuna lingua di Agni coi seguenti mantra:

(7) Hiranyayai Nama Swaha     Hiranyaya Idam Namama   (NE Isanye)
(7) Kanakayai Nama Swaha      Kanakaya Idam Namama    (E Prachyam)
(7) Raktayai Nama Swaha         Raktaya Idam Namama       (SE Agneyam)
(7) Krishnayai Nama Swaha   Krishnaya Idam Namama   (SO Nirrityam)
(7) Suprabhayai Nama Swaha   Suprabhaya Idam Namama (O Paschime)
(7) Ati raktayai Nama Swaha  Ati raktaya Idam Namama    (NO Vayavye)
(7) Bahu rupayai Nama Swaha Bahu rupaya Idam Namama (Centro-Madhye)

Ora, fai altre tre invocazioni ad Agni, nel centro della homa, con questi mantra:

(7) Om Vaishwanara jataveda ihavaha lohitaksha sarva karmani sadhaya swaha swaha  Agnaya Idam Namama

(7) Agnim prajvalitam vamde jatavedam hutashanam suvarna varnam amalam samiddham vishvatomukham swaha swaha Agnaye Idam Namama

(7) Utthishta purusha harita pingala lohitaksha sarva karmani sadhaya me dehi dapaya swaha swaha Agnaya Idam Namama

Ora invoca la divinità principale nel fuoco:

Hrim Srim Souh Sri Lalitayah amrita chaitanya murthim kalpayami namaha

E fai pancha upachara puja (6):

(7) Ka e I la hrim ha sa ka ha la hrim sa ka la hrim (Gandham, Pushpam, Dhupam, Deepam, Naivedyam) Kalpayami Namaha

Così Agni Mukham è completato.

Pradhana Homam

Offri 4 ahutis (invocazioni) col ghee a Ganapati
Offri 108 ahutis, col ghee, alla tua divinità prescelta
Offri ahutis col ghee secondo il tuo proposito

Uttara mukham

Maha Vyahrutti Homam

Riempi di ghee il bastoncino (Shrik) della yoni usando il bastoncino (Sruvam) del lingam e con la yoni offri il ghee al fuoco recitando i mantra seguenti:

Om bhuh agnayecha prithivyaicha mahatecha swaha
Agnaye prithivyai mahate idam namama

Om bhuvo vayavecha antarikshayacha mahatecha swaha
Vayavecha antarikshayacha mahate idam namama

Om suvaradityayacha divecha mahatecha swaha
Adityayacha divecha mahate idam namama

Om bhur bhuvah swaha chandramasecha nakshatrebhya digbhyascha mahatecha swaha
Chandramase nakshatrebhyo digbhyo mahate idam namama

Bhramarpana Ahuti

Purnahuti (offerte)

Prendi il bastoncino della yoni, posizionalo su di un piatto e metti le offerte (alimenti) sopra al bastoncino. Usando il bastoncino lingam offri per 12 volte una goccia di ghee sulle offerte contando così:

Ekam (1), Dve (2), Threena (3), Chatvari (4), Pancha (5), Shat (6), Sapta (7), Ashtau (8), Nava (9), Dasha (10), Ekadasha (11), Dvadasha (12) Varena grhitena ajyena

Iniziano suoni di tamburi, conchiglie, shehnai.

Purnahuti muttamam juhoti.  Iyamvai purnahutihi.  Asyam eva pratitishtati

Saptate agne samidah- saptajihvah- saptadhama priyani- saptadha tva yajanti sapta yoneeh aaprinasva ghritena (swaha)

Om Itah purvam prana buddhi deha dharmadhikaratah jagrat svapna sushuptyavasthasu manasa vaca karmana hastabhyam padbhyam udarena sishna yonya yatsmrtam yaduktam yatkrtam tatsarvam brahmarpanam bhavatu swaha

Dopo avere fatto l’offerta di musica e suoni, fai l’offerta degli alimenti nella homa cantando swaha.

Vasordhara –  Colata continua di ghee

Prendi i bastoncini yoni e lingam e tienili insieme versando il ghee con un filo sottile e continuo e recitando i seguenti mantra (Chamakam):

Sancha me mayascha me / priyancha menu kamascha me / kamascha me sau manasascha me / bhadrancha me sreyascha me /vasyascha me yasascha me / bhagascha me dravinancha me / yantacha me dhartacha me / kshemascha me dhritischa me/ visvancha me mahascha me / samviccha me jnatrancha me / suscha me prasuscha me / sirancha me layascha ma / ritancha me amritancha me / ayakshmancha mena mayaccha me / jivatuscha me dhirgayutvancha me / anamitrancha me abhayancha me/  sugancha me sayanancha me / sushacha me sudinancha me    Om Shanti Shanti Shantih

Agni devata udvasanam

Gira intorno al fuoco 3 volte recitando il Gayatri Mantra.

Hrutpadma karnikamadhye sivena swaha shankari pravishatvam maha devi sarvai ravaranai saha

Cid agnim devatamscha atmani  udvasayami namah

Dicendo questo mantra, invoca il fuoco dentro di te immaginando che ti stai immergendo in esso.

Poi bagna il bastoncino della yoni nel ghee e bagna così gli 8 angoli di Agni, miscelando, se necessario, con dell’altro ghee. Ripetilo nelle quattro zone seguenti mentre reciti i quattro mantra:

Jamadagneh  trayayusham (fronte)
Kashyapasya trayayusham (cuore)  
Yaddevanam trayayusham (spalla sinistra)  
Tanme astu trayayusham (spalla destra)

A questo punto, dovresti offrire Dakshina (donazione) all’esecutore del rito e prendere un po’ della frutta usata nella cerimonia come benedizione.

Così si conclude il rito.

Note:  

1- Akshata rappresenta prosperità, generosità e fertilità. Viene usato nelle puja come offerta alle divinità ed è un modo per ricevere benedizioni. Akshata è un composto di chicchi di riso crudo colorati con kumkum (polvere rossa fatta con curcuma o zafferano) e un po’ di acqua; può essere preparato una settimana prima e può essere usato tutto l’anno. Offrendo akshatas alle divinità, la frequenza delle divinità genera una vibrazione simile nel composto. Il riso caricato con questa vibrazione può essere consumato come prasad (sacramento) al fine di acquisire i componenti sattvici generati dai rituali.

2- Anga Nyas – unire il pollice e l’anulare della mano destra e, cantando i mantra, indicare le varie parti del corpo, toccandole, e cercando di percepire che diventano sempre più forti e pure; nella sequenza: cuore, testa, sommità della testa, braccia, occhi, battere tre volte il palmo della mano. (Col palmo della mano destra fare tre cerchi intorno alla testa e verificare quale narice è in esecuzione. Se il respiro viene da destra usare la mano destra per battere la sinistra; se è in corso il respiro dalla narice sinistra, usare la mano sinistra per battere sulla destra. Questa accortezza serve affinché il potere della recitazione non venga disperso.)

3- Moola Mantra (clicca qui)

4- Samanyarghya (clicca qui)

5- Dhenu, Yoni, Jvaalini Mudra (clicca qui)

6- Upachara – Il tipo di offerte varia a seconda del tipo di rito e di divinità. In questo caso si citano profumo, fiori, incenso, luce, cibo. (clicca qui)

 

Agni Mukham – testo in inglese (clicca qui)
Video (clicca qui)
Share